Trauma dentale:che cosa è?Come comportarsi?

Voglia di mare e di vacanze… ma a volte qualche imprevisto rischia di rovinare il divertimento a tutti…una brutta caduta può essere molto rischiosa anche per i denti dei nostri bambini che giocano e scorrazzano liberi sulle spiagge.

I traumi dentali rappresentano un evento frequente che riguarda bambini ed anche adulti

Possono essere di diverso tipo:

-Frattura coronale semplice (viene interessato solo lo smalto)

-Frattura coronale semplice (interessamento di smalto e dentina)

-Frattura coronale con esposizione della polpa

-Frattura corono-radicolare

-Frattura radicolare: la frattura arriva alla radice ed é difficile recuperare il dente in questi casi complessi

-Avulsione (fuoriuscita del dente dall’alveolo)

-Lussazione (spostamento del dente rispetto alla sua posizione naturale (al suo stato naturale), spostamento verso l’interno viene definito: intrusione, verso l’esterno : estrusione, verso i lati : laterale))

-Traumi dei denti decidui (o da latte)

Cosa fare in caso di trauma, senza danni apparenti, di un elemento dentario?

Recarsi immediatamente dal proprio Dentista, il quale esaminerà la situazione; il dente dovrà essere controllato periodicamente per valutare la sua vitalità.

Un dente traumatizzato senza danni apparenti può riportare nel tempo anche la necrosi della polpa dentale ( morte del nervo del dente): un segnale che può far pensare a questo è il (discolorimento) cambiamento di colore dell’elemento dentario traumatizzato, che tenderà a diventare più grigio nel corso del tempo.

Cosa fare in caso di trauma, con danni ai tessuti duri di un elemento dentario?

Recarsi immediatamente dal proprio dentista; se il trauma ha interessato solo i tessuti duri, senza esposizione della polpa dentale, si provvederà alla ricostruzione della parte mancante con materiali estetici.

Se il trauma ha interessato i tessuti duri con esposizione della polpa si provvederà diversamente:

Se il dente traumatizzato presenta un apice aperto o immaturo (la radice non ha completato lo sviluppo) si ricorrerà ad una procedura che stimola la crescita della rimanente parte della radice (apecificazione)

Se il dente traumatizzato presenta un apice chiuso o maturo si procederà (provvederà )alla devitalizzazione con ricostruzione della parte mancante in materiale estetico.

Se il trauma ha causato una separazione della corona dalla radice si provvederà a collocare la parte coronale fratturata (se conservata) nella giusta posizione e si effettuerà un bloccaggio. In questo caso il dente sarà tenuto sotto controllo.

Cosa fare in caso di avulsione traumatica (espulsione del dente dall’alveolo)?

Il dente non deve essere pulito, deve essere conservato nella saliva (in bocca) o nel latte o in soluzione fisiologica.

Andare con urgenza assoluta dal proprio dentista, il quale provvederà, dopo averlo deterso con soluzione fisiologica, ad introdurlo nuovamente nell’alveolo e a stabilizzarlo con un bloccaggio rigido per 1-3 settimane. Il dente poi richiederà eventuali controlli nel tempo.

 

Recarsi dal proprio dentista che provvederà poi al normale riposizionamento dell’elemento dentario interessato e ad un bloccaggio rigido con i denti vicini per circa 1-3 settimane.

Posted by Francesca

Lascia un commento