Protesi mobili:nuove tecnologie,parla l’esperto!

Oggigiorno si parla spesso di protesi mobile come di una branca dell’odontoiatria antica: tutti ricordiamo i nostri nonni con dentiere metalliche messe sul comodino e molto spesso i nostri pazienti, avendo questo tipo di ricordo, rifiutano la protesi mobile.

Oggi parliamo con il nostro esperto, l’odontotecnico Vincenzo Lauciello, delle nuove tecnologie sul fronte protesi mobile

CIAO VINCENZO! GRAZIE PER ESSERTI PRESTATO PER QUESTA BREVE INTERVISTA.

Grazie  a voi, per avermi dato questa opportunità.

PARLIAMO DI PROTESI MOBILE  E NELLO SPECIFICO DI UN MATERIALE NUOVO: IL DEFLEX. MA DI COSA SI TRATTA??

Il deflex è l’ultima frontiera della protesi mobile; è un materiale unico al mondo totalmente biocompatibile: è composto da materiali del tutto naturali, poiché si tratta di un poliammide di natura organica, l’unica classificata 2A dal Ministero della Salute (materiale per lavori definitivi)

QUALI SONO I VANTAGGI DI QUESTO TIPO DI MATERIALE?

Le protesi mobili in deflex sono:

  • più leggere rispetto alle protesi tradizionali, quindi il paziente ha più comfort nell’indossarla;
  • è estetica: dite addio ai ganci visibili in metallo!!! La colorazione  traslucida naturale della protesi e dei ganci  le permette di adattarsi al colore naturale dei tessuti della gengiva e dei denti, rendendo l’estetica personalizzata per ogni singolo paziente;
  • è infrangibile: è un materiale resistentissimo, io stesso non ci credevo! Poi ho deciso di metterlo alla prova: ci sono salito sopra (non che sia un peso piuma!!)… ed è rimasta intatta!
  • è ipoallergenico: essendo un materiale biocompatibile, si può utilizzare su qualsiasi tipo di pazienti, anche quelli più sensibili ad alcuni tipi di materiali “plasticosi”.

COME VA PULITA E TENUTA QUESTO TIPO DI PROTESI?

La protesi  deflex va pulita 3 volte al giorno (dopo i pasti) con sapone liquido neutro e spazzolino a setole morbide e lunghe. Prima di spazzolare i denti naturali rimuovere la protesi.

Per una pulizia più approfondita, immergere la protesi Deflex una volta al giorno in una soluzione composta da 4 parti d’acqua e 1 parte di Amuchina per 15 minuti; poi sciacquare abbondantemente sotto acqua corrente.

Quando la protesi non è utilizzata (di solito la notte),  si consiglia  di immergerla in acqua e di evitare di lasciarla avvolta nella carta.

Non usare dentifricio o qualunque altro abrasivo, i quali potrebbero graffiare la superficie della protesi.

Ogni protesi mobile viene dotata di un tesserino che ne certifica la qualità e dove sono indicate nel dettaglio le manovre di igiene da seguire.

OGNI QUANTO TEMPO DEVE ESSERE CONTROLLATA?

Dopo un primo periodo di adattamento fisiologico alla protesi, bisogna vedere il paziente due volte l’anno (ogni sei mesi), così da poter tenere sotto controllo la salute di gengive e tessuti del cavo orale, nonché la corretta funzione della stessa.

GRAZIE VINCENZO PER LA TUA DISPONIBILITÀ E PROFESSIONALITÀ ALLA PROSSIMA INTERVISTA

Posted by Francesca

Lascia un commento