Chirurgia Orale

chirurgia orale studio preziosa

La chirurgia orale é quella branca dell’odontoiatria che si occupa della estrazione di denti compromessi e/o che creano sintomi quali ascessi ed infezioni in bocca, della rimozione di cisti e neoformazioni, nonché di modificare l’osso e le gengive per correggere o migliorare l’anatomia della bocca.

Spesso la CHIRURGIA ORALE è correlata alle terapie ortodontiche (apparecchi dentali usati per allineare i denti). Ci sono diversi interventi chirurgici che possono essere richiesti quando si esegue un trattamento ortodontico.

I principali vengono eseguiti in ambulatorio e sono:

  • scoperture di denti inclusi
  • estrazione dei denti del giudizio
  • estrazioni di denti da latte o permanenti per il recupero di spazio
  • frenulectomie laser

I denti del giudizio sono gli ultimi denti che dovrebbero erompere in arcata, dopo i 18 anni e per questo vengono chiamati denti del giudizio o terzi molari.

Molto spesso però i denti del giudizio non hanno spazio sufficiente per erompere.

Quali sono le conseguenze?

  • possono erompere parzialmente e causare infiammazione gengivale e dolore (pericoronarite dei denti del giudizio).
  • causare carie o problemi parodontali al dente più vicino, cioè il secondo molare.
  • rimanere all’interno dell’osso, e si possono disporre in vario modo a seconda dello spazio a disposizione. Qualora si posizionino contro il secondo molare possono causare danni importanti come il riassorbimento radicolare, carie o problemi parodontali.

Quando dev’essere fatta l’estrazione dei denti del giudizio?

  • prima o durante la terapia ortodontica, soprattutto in terapie che richiedano di spostare indietro i molari (seconde classi)
  • al termine del trattamento ortodontico per maggiore stabilità del risultato raggiunto
  • in tutti i pazienti in cui si identifica, con la panoramica di controllo, che il dente non si trova in posizione favorevole all’eruzione. Questa indicazione preventiva è maggiormente utile in una fase precoce di sviluppo del dente, quando non si sono ancora completamente sviluppate le radici e l’estrazione può essere quindi eseguita più facilmente senza rischio di danni al nervo alveolare inferiore (germectomia).

Più comunemente le indicazioni elettive per l’estrazione del dente del giudizio sono solo due:

1- quando il dente si caria e non é possibile otturarlo;

2- quando causa sintomi importanti ripetuti nel tempo (ascessi ricorrenti, gonfiore e dolore).

Come viene eseguita l’estrazione dei denti del giudizio?

L’intervento di estrazione viene eseguito in regime ambulatoriale con anestesia locale. Può essere eseguita in sedazione, con l’utilizzo cioè di farmaci o del protossido d’azoto per aiutare il paziente a rilassarsi durante l’intervento.

Per maggiori informazioni e dettagli puoi venirci a trovare presso il nostro Centro:

in Via Seminario 71/b a Bisceglie

oppure compila il modulo



FISSA ORA UN APPUNTAMENTO